Orybal's weblog

free your soul

Onore al merito: lo stato è arrivato in terra di mafie?

A rischio di sentirmi accusare in seguito di ingenuità (ma quante volte ci si illude davanti ai cambiamenti e alle rivoluzioni per poi vedere i sogni delusi?) penso che questa sia una grande notizia. Degna di uno stato civile europeo.

Se il merito è del governo del poco gradito Silvio e anche se avesse fini solo propagandistici (proprio per esser maliziosi) bisognerà riconoscere il merito a questo governo per il tempestivo intervento contro il clan dei Casalesi, arresti di 107 affiliati della cosca e smantellamento di una rete e confisca dei beni della stessa. Maroni dice che questo dimostra che lo stato esiste. “Dove lo stato non c’è. Racconti italiani” è il titolo di un libro di Tahar Ben Jelloun sul nostro meridione. Se fosse la prima di tante altre azioni di intelligence… l’Italia migliorerebbe?

All’estero se ne parla, il quotidiano inglese Independent la racconta come un’ azione grandiosa:

Italian police yesterday struck what they claimed was a historic blow against the Neapolitan Mafia. In a series of raids, they arrested more than 100 suspected gangsters, confiscated gang property valued at more than €100m (£80m), and seized three high-ranking Mobsters believed to have been closely involved in the murders of seven people in a seaside resort north of Naples nearly two weeks ago. The massacre on 18 September, allegedly by the Casalesi, the most feared and violent clan of the Camorra, as the Naples Mafia is known, was the most shocking in Italy for several years. The killers struck twice in the town of Castelvolturno, once at a games arcade, killing an Italian, and then at an African-run boutique and tailoring shop, where six Africans from Nigeria, Ghana and Burkina Faso were shot dead. Police claimed that the immigrants were petty drug dealers who had been punished for failing to pay pizzo, or protection money, to the Casalesi. But it emerged that those killed had no involvement in the drugs trade. In recent years Caserta, the province on the northern outskirts of Naples which includes Castelvolturno, has become the most lawless in the country. Thugs have infiltrated themselves in local government and businesses, from public construction contracts to the service sector. Fear that Caserta was slipping out of the control prompted the Interior Minister, Roberto Maroni, to declare “war” on the Camorra last week. “The state exists,” he told the press, as he reported yesterday’s successes. “It intervenes in an effective way and it is regaining control of this territory.”

La Repubblica, versione locale di Napoli, con vena poetica parla di un affossamento del passato e del presente del clan dei Casalesi e dell’immagine inedita di uno Stato compatto che penetra e rischiara la notte che i Casalesi hanno imposto sul casertano. La Procura di Napoli (che ovviamente non ha cominciato ieri nè col nuovo governo a cercare di smantellare il clan) vuol sottolineare anche che “I risultati di oggi sarebbero stati impossibili se fosse entrato in vigore il disegno di legge che cancella in molti casi il ricorso alle intercettazioni. Non è vero che non si toccano i reati di mafia, per come è scritto quel testo rende impossibile intercettare tanti boss in carcere”.

L’Agenzia Reuter Italia riporta le parole del ministro dell’interno Roberto Maroni: “Questa notte abbiamo inferto un colpo durissimo al clan dei Casalesi“.  Secondo il ministro – affiancato dal sottosegretario Paolo Bonaiuti, da Manganelli e dai comandanti generali di carabinieri e Guardia di finanza, Gianfrancesco Siazzu e Cosimo D’Arrigo – l’operazione è il segnale che “lo Stato c’è e interviene in modo efficace“. Nei prossimi giorni nella zona arriveranno 400 tra poliziotti, carabinieri e finanzieri, e da sabato saranno dispiegati anche 500 militari: “Dobbiamo rendere visibile la presenza dello Stato per togliere acqua ai pescecani“, ha detto Maroni, che ha annunciato venerdì a Caserta un vertice operativo anti-camorra.

Il Secolo XIX, in un articolo molto più pittoresco degli altri, afferma che l’aureola nera di imprendibili da ieri non è più sulla testa dei tre esponenti più importanti dell’ala stragista dei Casalesi. All’alba si sono dovuti arrendere allo Stato Alessandro Cirillo (detto «’o sergente»), Oreste Spagnuolo (sfuggito appena qualche giorno fa alla cattura) e Giovanni Letizia (detto «’o zuoppo»), considerati mandanti ed esecutori del terribile agguato al gruppo di extracomunitari nel giorno di San Gennaro. Nella retata sono finiti anche Giuseppina Nappa, vedova di Francesco Schiavone detto Sandokan, che ha commentato il suo arresto con un ironico «non avete salvato l’Italia» rivolto agli agenti.

Maledizione, la strega sa qualcosa che noi non sappiamo!

Non che ci si illuda che la lotta alla mafia sia finita… Ci sarebbero cinque “scissionisti” del clan Bidognetti ancora latitanti che non hanno alcuna intenzione di farsi catturare e girano con esplosivi per difendersi a ogni costo». Ah, ben…

Vedremo cosa se ne dirà ulteriormente nei prossimi giorni ed in altri luoghi di dibattito per poter dare una visione meno ingenua di quella di oggi…

Annunci

2 commenti su “Onore al merito: lo stato è arrivato in terra di mafie?

  1. orybal
    7 ottobre 2008

    L’Independent continua a dedicare articoli al nostro sud mafioso. Questo sull’assassinio dello zio dei due pregiudicati, vendetta dei Casalesi ai 107 arresti (?)
    http://www.independent.co.uk/news/world/europe/pokergame-execution-as-italy-declares-war-on-mafia-953514.html

  2. Vinicius
    8 ottobre 2008

    Ma… Io pensavo che la mafia non esistesse! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 1 ottobre 2008 da in notizie con tag , , , , .

La mia tesi è libro: info qui

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: