Orybal's weblog

free your soul

…per Gaza

Le dichiarazioni degli Stati Uniti d’America ancora sostengono smaccatamente Israele… come ci racconta anche Robert Fisk, cui la cosa non va giù, come nemmeno a me, che I leader mentono, i civili muoiono, e le lezioni della storia vengono ignorate: “Siamo talmente assuefatti alle carneficine del Medio Oriente che non ci preoccupiamo più – in modo da non offendere gli israeliani…. E sempre Bush senior o Clinton o Bush junior o Blair o Brown hanno fatto appello a entrambe le parti per esercitare la “moderazione” – come se sia i palestinesi che gli israeliani avessero gli F-18 e i carri armati Merlava e l’artiglieria da terra. I razzi fatti in casa di Hamas hanno ucciso solo 20 israeliani in otto anni, ma un blitz di un giorno da parte dell’aviazione israeliana che uccide quasi 300 palestinesi è solo la norma”.

Amira Hass ci dice che Gaza è come una piccola Baghdad: “Ci sono molti cadaveri e feriti, ogni momento che passa ne vengono aggiunti altri alla lista delle vittime; e in tutto ciò non c’è più spazio all’obitorio. I familiari rovistano tra i cadaveri e i feriti in modo di dare ai morti una sepoltura veloce. Una madre che  ha perso i suoi tre bambini, che ora sono accatastati l’uno sopra l’altro nel obitorio, urla poi piange, urla e poi si rassegna al silenzio….Scegliere un orario cosi, le 11 e 30 del mattino, per bombardare nel cuore delle città è un atto terribile. Questa decisione è stata presa con l’intenzione di causare il maggior numero di vittime possibile; è un massacro”. Qui su www.elfarra.org potete vedere alcune foto… sono impressionanti, ma la testimonianza fotografica servirà poi alla condanna degli assassini.

da La Repubblica del 29/12/2009:

L’Onu chiede la tregua. Il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, chiede a Israele e Hamas “un cessate il fuoco immediato”. Ribadisce che le violenze messe in atto da Hamas “sono inaccettabili” ma giudica troppo pesante la risposta israeliana: “L’eccessivo uso della violenza a Gaza è da condannare”. E si appella ai leader dei paesi arabi: “Ritengo che i partner internazionali e regionali non abbiano fatto fatto abbastanza. I ministri degli Esteri dei paesi arabi si incontreranno presto per un meeting di emergenza. Li esorto ad agire rapidamente e in modo decisivo per porre fine a questa impasse”.

I leader europei. Domani a Parigi, alle 18,30 si tiene un vertice straordinario dei ministri degli Esteri Ue, convocato dalla Francia. Oggi invece il Quirinale riferisce di un colloquio telefonico tra il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e il presidente israeliano Shimon Peres, sulla crisi in atto e sulle condizioni per riprendere un dialogo di pace. Da Londra, il ministro degli Esteri britannico, David Miliband, giudica “inaccettabile” la morte di bambini e di altri innocenti, sotto le bombe. Angela Merkel telefona al premier Ehud Olmert: “La colpa della situazione è di Hamas ma attenzione alle vittime civili”, dice.

Intanto si attiva la mobilitazione civile: La Campagna “Free Gaza” http://www.freegaza.org/ sta organizzando per domani, 29 dicembre, la partenza della nave DIGNITY, la stessa barca che per la prima volta riuscì a rompere l’assedio di Gaza ad Agosto 2008 entrando nei mari di Gaza portando alla popolazione palestinese costretta all’embargo da Israele e dai suoi alleati internazionali, beni di prima necessità.

Questa volta la nave DIGNITY trasporterà solo materiale medico nella speranza di poter aiutare i medici di Gaza a curare le centinaia di feriti a causa dei bombardamenti israeliani.  

La situazione negli ospedali è tragica: mancano medicinali e strumenti per curare i numerosi pazienti… l’embargo, che continua ormai da 2 anni e i feroci bombardamenti di sabato e domenica hanno reso estremamente difficile ogni tipo di attività medica.

Free Gaza Campaign in collaborazione con PYN (Palestinian Youth Network) http://www.pal-youth.org/ ha deciso di non rimanere inerme di fronte al massacro di tanti civili che Israele sta portando avanti da 2 giorni ormai ed a differenza della comunità inernazionale, ha deciso di passare all’azione, di aiutare donne, bambini, civili innocenti a sopravvivere.

Medicine e materiale medico di altro genere sono già stati reperiti…il PYN e la Free Gaza Campaign lanciano un appello a tutti i dottori specializzati in chirurgia che credono di poter aiutare i medici di Gaza in queste ore terribili, affinchè si uniscano all’equipaggio della nave “DIGNITY”…a Gaza i palestinesi stanno morendo senza neanche la possibilità di lottare per sopravvivere, senza poter essere assistiti da un medico…senza nessuna speranza. I dottori nella striscia di Gaza vivono la tragica frustrazione di chi è impossibilitato ad utilizzare la propria esperienza, il proprio sapere, per salvare vite, per aiutare chi soffre…per restituire speranza. L’aiuto di medici internazionali è in questa situazione, estremamente importante, fondamentale.

Vista la gravità della situazione a Gaza, questa volta solo dottori possono essere parte dell’equipaggio…la nave partirà il 29 dicembre in serata… i dottori che sono interessati a partecipare dovrebbero trovarsi a Cipro entro LUNEDI’ 29 alle 16:00.

Per ulteriori informazioni contattare Mjriam all’indirizzo palestinawz@gmail.com
Advertisements

Un commento su “…per Gaza

  1. orybal
    30 dicembre 2008

    Si dice poi che abbiano speronato la Dignity e sparatole contro. Ora la nave di Free Gaza si dirige in Libano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 30 dicembre 2008 da in libertà, notizie con tag , , , , , .

La mia tesi è libro: info qui

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: