Orybal's weblog

free your soul

Obama, vai a Gaza! Vai a Gaza, Obama!

3598321425_b33a5a8f2dFoto from Codepink.Ma l’amico Mohamed che è egiziano mi ha fatto sapere che la zona era blindata e nessun manifestante egiziano è potuto entrare nella zona dell’Obama’s speech. Certo. Prevedibile. Quelli di Codepink sono un gruppo di americani…diamo loro illusione di vivere in democrazia.

A demistificare l’emozione per le belle parole di Obama è Robert Fisk nel suo articolo intitolato Uno stato militarista è il posto sbagliato per un discorso ufficiale di Obama.

“Forse Barak Obama ha scelto l’Egitto per rivolgersi ai musulmani con un “grande messaggio” perché è il Paese in cui abita un quarto della popolazione araba, ma è anche il Paese meno democratico e meno libero della regione, il più militarista e spietato”, commenta.

Anche lui pensa che Obama farebbe meglio ad andare a Gaza, per fare pace con l’islam: “gli Stati Uniti con Bush sono scesi talmente in basso per quanto riguarda la condotta morale con cui hanno usato il loro potere che Obama dovrebbe pronunciare il suo discorso nei Territori Occupati, anche Gaza, per avere la speranza di trasformare il profondo risentimento e la rabbia che i musulmani hanno accumulato negli ultimi otto anni. Ma questo, naturalmente Obama non lo farà. Così ecco che va in Egitto, senza vedere lo squallore e la paura in cui vivono gli egiziani”.

Annunci

Un commento su “Obama, vai a Gaza! Vai a Gaza, Obama!

  1. Mohamed
    20 giugno 2009

    Voglio aggiungere anche che c’era un gruppo di egiziani negli stati uniti che volevano fare un manifestazione davanti la casa bianca durante la visita di Mubarak, ma Mubarak ha annullato la sua visita perchè suo nipote era morto…….

    e per tal ragione la polizia ha lasciato a questo gruppo fare manifestazione contro Obama….. questo la mia valutazione personale…..

    non credo che l’egitto sia il paese meno democratico nella ragione, perche in egitto. almeno, possiamo criticare Mubarak ed il suo partito senza conseguenze.. ma in paese come syria, Libya, e Tunisia, nessuno può criticare il presidente dello stato.

    Mubarak tiene pieno controllo sul paese, si, c’è tanto corruzione nel paese, si, non potremmo cambiare Mubarak, sì, ma non abbiamo paura di criticarlo… magari abbiamo paura dalla corruzione, dalla povertà, o di fare un azione per cambiare il regime………

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 6 giugno 2009 da in libertà.

La mia tesi è libro: info qui

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: