Orybal's weblog

free your soul

Belly dance triste

Non ho disciplina. Avete presente l’insegnante di Saranno famosi?  Beh, io non ho 15 anni – per le superiori abbiamo sgobbato in modo irripetibile quasi tutti, con uno stress costante ben diverso da quello universitario e sveglie alle 6.45 di mattina per me provinciale – e ora “Voi fate sogni ambiziosi, successo, fama, ma queste cose costano, ed è esattamente qui che si incomincia a pagare, col sudore!” non è lo slogan che mi cattura quando vado a un corso serale di danza del ventre.

Non è stato così, non esageriamo, non ha detto niente del genere… ma vedi, io da piccola non ho mai desiderato fare danza classica, come le amichette facevano. Figurarsi se mi voglio mettere il gesso nelle scarpe per camminare sulle punte… a che pro tanto dolore? E la maestra che ti spinge crudelmente per farti fare la spaccata? Da denuncia… E quei ridicoli tutù, e le crocchie… tristi.

Praticamente a Manchester devo aver fatto belly dance con una zingara, non faceva alcuna osservazione tecnica su come muovessimo il bacino e dopo un mese voleva mandarci al saggio.

Anche quella che ho visto poco tempo fa in una prova gratuita era simpatica, si sentiva in colpa perchè era pignola con le allieve in vista del saggio della settimana seguente, ma era proprio spiritosa… avrei voluto farlo con lei, un corso…

Invece, ecco, la migliore. Balla benissimo, eh, e probabilmente sa anche insegnare, le allieve diventeranno più perfette delle altre. Fa battute con una su come un certo esercizio la faccia dimagrire. E la parodia del suo modo di ballare. Attenta poi a scusarsene. Ma mi irrita. Anche se deve aver capito che son reticente e quindi mi tratta con gentilezza, ogni tanto mi dice pure che vado bene.

Ma… capisco che ho bisogno di imparare poco a poco a moderare i movimenti, qui con poco ancheggiare pari più sensuale, ma uffi… non mi diverto. Alla fine fa una tiritera sul fatto che veniamo a far questo senza neanche aver ascoltato musica araba, che forse nemmeno ci piace, come fossimo qui perchè è di moda… Ma che ne sai? Zitta… Non ha capito mica. Oppure, su alcune ha ragione… sì. siamo scoordinate, le dicono con sudditanza.

No… io taglio la corda. Che corda c’era? Posso non tornare più. Non ho pagato in anticipo, avrebbe voluto lei…

Sarà la settima volta che ci provo, con la danza del ventre, forse perchè ne ho un’idea sbagliata o serve davvero a farmi sentire fiera di essere femmina? A far sentire meglio?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 16 luglio 2009 da in libertà con tag , , , .

La mia tesi è libro: info qui

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: