Orybal's weblog

free your soul

Lo specchio del mondo

“Hai visto? Ce n’è uno nuovo”.

“Ah, sì, il bambino marocchino. imagesE’ arrivato due, forse tre settimane fa.

Ho visto la celebrazione: hanno esagerato. Il padre, vedi? Lì sul vialetto si è buttato a terra, in ginocchio, e tutti i parenti urlavano anche loro, intorno a lui. Noi preferiamo non fare così”.

“Forse è meglio così: sfogarsi molto quando succede e poi pensarci meno…

Mi ha abbagliato la targhetta, il sole si riflette ed è come uno specchio, lancia dei raggi accecanti, come per richiamare l’attenzione di chi passa…”.

“E sotto il nome c’è la firma di chi l’ha fatta… mi sa che non avevano soldi per la celebrazione. Gliela avranno donata. Figurarsi se li avevano per farla nel loro paese…”

Non che non sia successo di recente anche ai nostri, ma qui dentro ora è forse l’unico così, un bambino straniero.

“Cosa c’è scritto sulla targhetta argentata?”

“Mohamed, N.M. 23/04/2016”

Ciao, piccolo.

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 22 maggio 2016 da in bambini, chiacchiere, sfortune.

La mia tesi è libro: info qui

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: