Orybal's weblog

free your soul

La Pastammurriata volante

Con la Chiesa Pastafariana del Prodigiosicchio di Treviso abbiamo organizzato a Pordenone un evento dal nome Pastammurriata volanteper denunciare quello che accade qui a migranti e rifugiati, che dormono all’addiaccio e subiscono da forze di polizia locali il sequestro dei loro sacchi a pelo, che si muore per strada in attesa di asilo… con mescoli e pentole o coperchi abbiamo “cacerolato” l’indifferenza cittadina…

E l’ho introdotto con questo pezzo, che ho scritto:

.… a casa mia ero felice

….poi la guerra, la catastrofe, l’ISIS che ha ucciso mio padre, mio fratello, i politici impazziti che perseguitavano me e la mia famiglia, i talebani che non volevano andassi a scuola, la fame, problemiproblemiproblemi…

Battito con un mestolo, poi 2, poi 3… crescendo ….

E scappare… …. (rumore)

…poi sono arrivato

Ho baciato la terra, ho ringraziato Dio, pensavo di essere salvo. Potere iniziare a costruire il sogno di una nuova vita libera e dignitosa, lavorando, studiando, mettendo in gioco le mie potenzialità e tutto il mio impegno…

Non è andata cosi. Ma l’ho scoperto dopo, lo scopro ogni giorno.

Lo scopro nel centro d’accoglienza in cui aspetto in giornate inutili per giorni e giorni un diritto d’asilo che non arriva, senza poter lavorare, studiare né fare niente… dove i miei sogni e buoni propositi sembrano consumarsi come la cera di una candela…

Lo sento sulla pelle quando mi piove addosso e aspetto che nel centro mi lascino entrare, per poter anche solo fare una doccia, dormire su un materasso qualsiasi…

Lo ascolto quando la mattina sfrecciano le bici ed i camion e mi svegliano dopo una notte di sonno agitato nel parco, dopo una notte in compagnia della paura di essere aggredito, derubato, picchiato, svegliato da poliziotti che non solo vogliono me ne vada ma mi tolgono tutto quello che dei volontari, trattandomi come un essere umano, mi hanno dato…

Un brivido sulla pelle quando ho la febbre e il terrore di non potere guarire da solo, perché non ho diritto a medicine costose, ad andare in ospedale perché potrebbero denunciarmi come clandestino, anche se muoio per strada di freddo o di stenti sembra che io sia per questa gente un fastidio….

voi il rumore che fa il battito del nostro cuore, non lo sentite?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 19 novembre 2017 da in diritti umani, refugees.

La mia tesi è libro: info qui

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: